Company Logo


Avviso

In giro per Trepuzzi

Logo Comune di Trepuzzi

Dati tecnici sul Comune di Trepuzzi

Latitudine e Longitudine: 40° 24′ 0″ N - 18° 4′ 0″ E
Metri sul livello del mare: 55
Superficie: 23 km quadrati circa
Popolazione residente nel comune di Trepuzzi al 2001: 14.507
Densità abitativa per km quadrato al 2001: 615
cap: 73019  prefisso telefonico: 0832
codice Istat: 075087   codice catasto: L383

Sito internet:: www.comune.trepuzzi.le.it

Santo Patrono: Madonna dell'Assunta


Eventi: Fiera della Madonna dei Miracoli (prima domenica dopo Pasqua), fiera della Madonna Assunta (14 - 15 agosto), fiera di San Raffaele Arcangelo (quarta domenica di ottobre).

Da vedere: Chiesa dell'Assunta, Chiesa di San Giuseppe, Cappella di Sant'Antonio, Castello


STORIA E VITA DEL COMUNE DI TREPUZZI


Trepuzzi sorge in una zona zona abbondante di ulivi secolari e querce, storicamente si trova in Terra d'Otranto, nella provincia e diocesi di Lecce. Come tutti gli altri nuclei urbani salentini, anche Trepuzzi ha subito le vicende storiche di queste terre: i domini e  le occupazioni da parte di Romani, Goti, Greci, Longobardi e Normanni; conquistata e asservita dopo da Svevi, Angioini, dal principato di Taranto, dagli Aragonesi, e dai Turchi che la sottoposero a vere e proprie razzie, ai Francesi, ai Borboni e ai Savoia.

I primi documenti suMunicipio del Comune di Trepuzzi Trepuzzi risalgono al 1190 quando il re Tancredi divenne conte di Lecce e assegnò tutti i casali del suo contado alla diocesi e al vescovo di Lecce.

Un racconto pagano voleva che in una stazione vicina a Sant'Angelo, ai tempi dei Romani, ci fosse un luogo dedicato al Dio Bacco dove alcuni aristocratici della vicina Lecce si incontravano allo scopo di festeggiare, danzare, per baldorie, e altri tipi di orge. Da qui deriverebbe il nome di "Tripudium" attribuito al luogo.

Nonostante sullo stemma comunale di Trepuzzi siano raffigurati tre pozzi, non è sostenibile la teoria secondo cui il toponimo Trepuzzi deriverebbe da qui. Durante la storia trepuzzina, per un periodo ha prevalso la falsa teoria. L'etimo "Tripudium" è più plausibile, nel Galateo si menziona "triputeanam villulam" dove evidentemente la base è "tri-" e non "tre-" cioè il numero cardinale tres, qualora si fosse fatto riferimento ai pozzi. Il termine "trepuzze" è stato alterato a causa del fatto che davvero c'erano i pozzi in uno dei due nuclei urbani originari. Al luogo del tripudio infatti successivamente si aggregò un altro centro urbano, quello in cui si trovavano i tre pozzi. Per una strana coincidenza, "Tripudium" e "Treputium" si fondono perfettamente nella sintesi del nome di oggi, Trepuzzi appunto.

Castello di Trepuzzi

 


Trepuzzi crebbe, si ingrandì e assunse una fisionomia definitiva grazie alla scomparsa di Terenzano, e ad una ubicazione ideale lungo la direttrice viaria della litoranea Adriatica.
I Normanni invasero la Puglia nel 1072. Ad essi è dovuta la devozione alla Madonna Assunta, oggi la protettrice della città di Trepuzzi.

Il Feudo di Trepuzzi è stato assoggettato ai conti di Conversano, ai Signori Acquaviva D'Aragona. Fu anche sequestrato dal fisco per assenza di ereditieri diretti. In questa occasione il feudo fu affidato al Duca Francesco Carignani e lo stesso successivamente lo acquistò insieme al Subfeudo di Terenzano nell'anno 1753.

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

Chi è on-line

Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

Area Riservata

Accedendo all'area riservata, si ha la possibilità di consultare e/o scaricare documenti riservati solo agli utenti registrati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle attività dell'ANSI.
Privacy e Termini di Utilizzo



Privacy Policy  |   Note Legali  |   Cookie Policy


Il materiale contenuto nel sito, salvo dove diversamente indicato, e' di proprieta' di ANSI - Sezione di Trepuzzi
Copyright 2008
- Tutti i diritti riservati

Titolare/Responsabile del Sito: Enzo Mosca, Presidente pro tempore dell'A.N.S.I. - Sezione di Trepuzzi

Sito realizzato da Antonio Perrone

Questo sito si serve di cookie tecnici e di terze parti per permettere funzionalità base e fornire servizi. Premendo il tasto "Chiudi", proseguendo nella navigazione o effettuando qualunque interazione col Sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Cookie Policy. Cookie Policy