Company Logo


Avviso

San Martino di Tours

Patrono dei Sottufficiali d'Italia

 

San Martino di ToursNacque in Pannonia (odierna Ungheria) nel 316. Il padre, militare di carriera, gli diede un nome che richiamava il dio Marte e lo spinse ad entrare giovanissimo nell'esercito. Arruolato nella cavalleria imperiale, prestò servizio in Gallia, dove avvenne l'episodio per cui ancora adesso é ricordato. Incontrato un povero viandante che tremava per i1 freddo, tagliò con la sua spada il mantello e gliene diede metà (più probabilmente divise la stoffa dalla pelliccia che foderava all'interno il mantello dei soldati romani). La notte seguente sognò Gesù che gli rivelò di essere lui stesso il viandante. Martino, che aveva già conosciuto il cristianesimo, si fece battezzare e, abbandonato 1'esercito, si recò a Poitiers presso i1 vescovo Ilario. Intanto imperversava la lotta contro 1'eresia ariana che, a quell'epoca, aveva il sostegno della corte imperiale e Ilario fu costretto all'esilio. Martino viaggiò in Pannonia, dove convertì la madre, a Milano e infine tornò in Gallia, dove Ilario, reintegrato nel suo vescovato, lo ordinò sacerdote. Nel 361 fondò a Ligugé il primo monastero dell'Europa occidentale. Nel 371 fu eletto vescovo di Tours e fondò a Marmoutier una comunità per la formazione del clero. Per vent'anni operò per 1'evangelizzazione delle campagne, abbattendo idoli pagani e sostenendo i poveri contro 1'esasperato fiscalismo dell'Impero. Morì nel 397, nella cittadina di Candés, che da allora si chiamò Candes-Saint-Martin, e fu sepolto a Tours.

Altri miracoli

Alcune fonti riportano una "seconda Carità". Un giorno Martino, ormai vescovo, vide un povero seminudo. Ordinò al proprio arcidiacono di rivestirlo e poiché quello indugiava, gli mise indosso la sua stessa tunica. Poi chiese all'arcidiacono di portargli un nuovo vestito e quello, per disprezzo, gli portò uno straccio. II Santo lo indossò e con quello celebrò la Messa. Durante il Sacrificio, sulla sua testa, comparve un globo di fuoco: Martino alzò le braccia al cielo e gli angeli le coprirono di gemme preziose. Un giorno, per convertire dei pagani, fece abbattere un grande albero che era ritenuto sacro. Si mise nel punto in cui 1'albero sarebbe dovuto cadere e si fece il segno della Croce: 1'albero cadde dalla parte opposta.

Patronati, iconografia

Divenne subito un santo popolarissimo in Francia e nel resto d'Europa, dove il suo culto fu diffuso in età, carolingia. Non solo é patrono dei soldati e dei cavalieri, ma nella società cortese divenne, con San Giorgio , il modello del perfetto cavaliere cristiano. Per il suo atto di carità é patrono dei mendicanti, per il mantello dei sarti, per la cinghia alla quale era appesa la sua spada, dei conciatori di pelli e dei lavoratori del cuoio. Poiché una volta cambiò 1'acqua in vino, é patrono degli osti, dei fabbricanti di brocche, dei bevitori e degli ubriachi. E' patrono dei viticultori e dei vendemmiatori perché, in occasione della sua festa, si beve il vino nuovo.

Chi è on-line

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

Area Riservata

Accedendo all'area riservata, si ha la possibilità di consultare e/o scaricare documenti riservati solo agli utenti registrati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle attività dell'ANSI.
Privacy e Termini di Utilizzo



Privacy Policy  |   Note Legali  |   Cookie Policy


Il materiale contenuto nel sito, salvo dove diversamente indicato, e' di proprieta' di ANSI - Sezione di Trepuzzi
Copyright 2008
- Tutti i diritti riservati

Titolare/Responsabile del Sito: Enzo Mosca, Presidente pro tempore dell'A.N.S.I. - Sezione di Trepuzzi

Sito realizzato da Antonio Perrone

Questo sito si serve di cookie tecnici e di terze parti per permettere funzionalità base e fornire servizi. Premendo il tasto "Chiudi", proseguendo nella navigazione o effettuando qualunque interazione col Sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Cookie Policy. Cookie Policy